Sii orgoglioso del tuo curriculum delle sue lacune e di tutto il resto.

Questo è un interessante articolo di Karin Bodewits pubblicato dalla rivista online Sciencemag.org, qui liberamente tradotto. Probabilmente si possono trarre degli spunti per presentare più efficacemente il proprio curriculum e le proprie esperienze lavorative cercando di trasformare le lacune e gli ipotetici difetti, in un quadro più realistico e interessante agli occhi dei responsabili del processo di selezione.

Cos’è successo tra il 2015 e il 2016“, chiede Sam, il responsabile del programma di Workshop, indicando il curriculum di Polly.

Polly comprime le sue labbra e guarda con rammarico verso il basso. Dopo qualche secondo di silenzio, avendo gli occhi di tutti i presenti nella stanza puntati su di lei, esclama: “So che questa lacuna nel mio curriculum è una brutta cosa!”

“Non necessariamente”, risponde Sam. “Ma, è vero, suscita curiosità! In un colloquio di lavoro, preparati alla stessa domanda che ti ho appena fatto“.

“Questo è il mio problema. Se rispondessi onestamente a questa domanda, nessuno mi assumerebbe”.

Ora tutti gli studenti di dottorato nella stanza alzano la testa e sollevano le sopracciglia. Polly fissa la scrivania, chiaramente angosciata.

Passiamo alla sezione successiva del curriculum, “Premi e riconoscimenti”, dice Sam, cercando di allentare la tensione.

“Aspetta un secondo,” Mark, un altro partecipante, interviene apertamente. “Sei stata in prigione, Polly?”

Lei alza immediatamente la testa, guardandolo scioccata. “Macché… Niente del genere! Ho iniziato un altro dottorato di ricerca nel 2015,” poi si stempera. “Ho mollato dopo un anno.”

“E pensi che questo potrebbe essere un motivo per non assumerti?” chiede Sam.

Polly chiude gli occhi per un momento. “Sì”.

“Perché hai fallito?”

“Sì, è così”, dice Polly timidamente.

“Lasciare un dottorato di ricerca è un fallimento?” Sam chiede rivolgendosi a tutto il gruppo.

Alcuni annuiscono, mentre altri fanno cenno di no.

“Posso chiederti perché hai smesso?” chiede Sam, tornando di nuovo su Polly.

Polly sospira. “Il mio supervisore mi faceva stare malissimo. In ogni occasione, mi diceva che ero stupida e insignificante. E il venerdì dava a tutti i suoi studenti una lunga lista di tutte le cose che non avevamo fatto quella settimana per farci andare in laboratorio anche nel fine settimana”.

“Sembra che tu abbia preso un’ottima decisione nel lasciare quel laboratorio”, dice Sam. ” Ciò mi dimostra che hai una forte personalità, che sei stata in grado di difenderti da sola, che sei disposta a fare le valigie quando una situazione ti sfugge di mano. È una storia di potere, non di fallimento. Aggiungila al tuo curriculum. Ti dà colore e carattere. I responsabili delle assunzioni si incuriosiranno”.

OK ….. ,” risponde Polly, chiaramente senza esserne convinta.

“Abbandonare il tuo primo programma di dottorato di ricerca è stata una decisione che ha richiesto molto coraggio”, continua Sam. “Molte persone ti avrebbero consigliato di rimanere nel gruppo e finire il tuo dottorato. Magari ti avrebbero detto che avresti rovinato il tuo curriculum con un tale scossone”.

Polly fa un cenno d’accordo.

“Tali sbalzi sono un male in un curriculum solo se accadono troppo spesso. Quando è così ciò potrebbe suggerire che il problema sei tu e che non riesci a relazionarti con i supervisori e le gerarchie. Ma come è il tuo rapporto con il tuo attuale supervisore?”.

“È fantastico! E’ rispettoso. Di sostegno. Competente. C’è un mondo di differenza”.

“Molto bene. Un’esperienza negativa con un lieto fine, quindi. Se ti viene chiesto qualcosa al riguardo, potresti dire una cosa del tipo”:

<<Attualmente sto frequentando un dottorato di ricerca con un supervisore che mi sta stimolando intellettualmente e mi dà lo spazio per crescere come professionista. In cambio egli ottiene uno studente di dottorato di ricerca che si impegna a fondo. È un rapporto reciprocamente vincente. Durante il mio primo dottorato la situazione era diversa. Ho deciso che continuare non avrebbe giovato né al supervisore né a me. E’ stata una decisione molto difficile quella di abbandonare, perché la gente mi ha detto che sarebbe stato un brutto colpo per il mio curriculum. Ma, in realtà, ho imparato da tale esperienza: a volte è meglio fermarsi, fare un passo indietro e ricominciare con una lavagna bianca piuttosto che cercare di incasinare le cose a tutti i costi. Inoltre, ho imparato a riconoscere una leadership buona da una leadership cattiva, il che mi ha aiutato a plasmare anche il mio stile di leadership. Nel complesso, abbandonare il mio primo dottorato di ricerca può essere stata la migliore decisione che abbia mai preso.>>

Polly annuisce e sorride. “Suona bene”.

“E allora io?” Dice Mark, “il mio master è durato 3 anni invece di uno“.

“Anche questo effettivamente solleva delle curiosità”, concorda Sam.

“Che crimine hai commesso?” chiede Polly, scherzando.

“Mi sono presa cura di mio padre durante gli ultimi due anni della sua vita”.

“Aggiungi questa responsabilità extra alla sezione del tuo curriculum del master, e nell’intervista potrai dire che ci sono alcune cose che sono semplicemente più importanti del lavoro“, consiglia Sam.

Aggiunge Polly: “Puoi solo essere orgoglioso di quello che hai fatto”.

E la morale della storia è:

Tutti hanno fatto dei passi nella loro vita che possono sembrare instabili, quindi per questo potreste essere preoccupati di portarli a conoscenza degli altri su un curriculum. I datori di lavoro vorranno assumervi se leggono questi particolari? Se vi chiedono di una lacuna o di un progetto incompiuto durante un colloquio, cosa potete rispondere?

In realtà questi chiamiamoli, “eventi che formano il carattere“, non sono così male come si potrebbe pensare. Spesso sono fonte di crescita piuttosto che il riflesso di una mancanza di eccellenza. Ma è necessario gestirli correttamente.

È un’idea sbagliata che il curriculum, e le carriere in generale, debbano avere un aspetto perfetto, cioè armonioso o, oseremmo dire, noioso. Non si deve cercare di far finta di conoscere sempre la strada migliore per la propria carriera. Tutti impariamo attraverso prove ed errori, e alcune delle persone di maggior successo che conosciamo hanno tentato diversi percorsi di carriera prima di trovare quello che meglio si adattasse a loro.

Se avete avuto un “incertezza” nella vostra carriera, è verosimile che questa sia legata ad un’ottima ragione per manifestarsi tale. Proprio quell’esperienza e le lezioni che avete tratto da essa, probabilmente vi hanno reso una persona migliore in qualche modo. Inoltre, i buoni manager sanno che si può commettere un errore, che si può imparare da esso e quindi andare avanti in una direzione migliore di prima. Non credono che si faccia sempre tutto perfettamente, quindi non cercate di fingere di farlo.

Piuttosto che preoccuparsi di ciò che la gente penserà e spingersi in una spirale di giustificazioni, accettate il vostro curriculum con tutti i suoi alti e bassi, sottolineate il valore che le vostre esperienze vi hanno conferito, e raccontate la storia del modo in cui avete imparato dalle difficoltà incontrate e del modo in cui siete andati avanti.

 

Versione Originale dell'articolo

Qui la a versione originale dell’articolo di Karin Bodewits

ARGOMENTI
TAG
Condividi