Comportamenti lavorativi disfunzionali con il 15FQ+

Anche i comportamenti disfunzionali e problematici sono rilevabili con il 15FQ+. Il 15FQ+ derailer report e l'analisi dei comportamenti disfunzionali possono essere analizzati con il Report Set Completo e con il Report Set Speciale.

Comportamenti lavorativi disfunzionali con il 15FQ+

Introduzione

Le dimensioni rilevate con il report 15FQ+ sui Comportamenti Disfunzionali non sono combinazioni di tipologie di personalità, ma insiemi di tratti le cui combinazioni possono avere un impatto negativo sulle performance di un gruppo oppure sull’adattamento alla cultura vigente di un’organizzazione.

Queste combinazioni ricorrono abbastanza raramente quindi è piuttosto infrequente rilevare punteggi estremi nella popolazione generale. Per questo è abbastanza consueto che la gran parte delle persone ottengano punteggi medi o bassi su queste dimensioni. Molto spesso accade che questa relazione non riporta alcun punteggio estremo, non segnalando alcuna problematicità. Tuttavia nel caso in cui ciò si verificasse è opportuno raccogliere ulteriori informazioni elaborando e consultando gli altri rapporti interpretativi disponibili con il 15FQ+ (v. box a fianco).

Il rapporto interpretativo con il 15FQ+ che descrive i comportamenti disfunzionali segnala quali comportamenti potrebbe mostrare il candidato sul posto di lavoro. E’ evidente che questi risultati vanno considerati alla stregua di ipotesi  da esplorare anche raccogliendo ulteriori informazioni. Si deve essere  consapevoli del fatto che i comportamenti qui identificati possono essere moderati da una serie di fattori, tra cui il grado di abilità in una specifica mansione, le competenze professionali e le conoscenze specifiche, nonché da fattori situazionali quali la cultura organizzativa ed il clima aziendale.

I dodici comportamenti disfunzionali

Eccentrico – Sbadato: Si riferisce a un modo di agire e di pensare creativo e inusuale e sotto stress può assumere aspetti di imprevedibilità. Può essere ritenuto fuori dagli schemi e stravagante. E’ poco pratico e realistico.
Accondiscendente – Pacato: E’ caratterizzato da un comportamento arrendevole e pacato, non è assertivo e desidera placare e trovare un accordo con agli altri. Può essere poco o per niente risoluto e mancare di fiducia in se stesso.
Scettico – Diffidente: E’ proprio di chi agisce costantemente in modo sospettoso e diffidente, tipico di chi non ha fiducia nelle intenzioni degli altri e di chi è preoccupato di essere trattato in modo iniquo e ingiusto. Può avere la tendenza ad accusare gli altri di comportamenti malevoli.
Irascibile – Irritabile: Perde facilmente la calma, si arrabbia facilmente. Ha poca tolleranza alla frustrazione, è schietto e diretto. Di solito non è facile accontentare le persone con questa modalità comportamentale essendo imprevedibili. Come modalità di gestione dello stress può agire interrompendo bruscamente i rapporti interpersonali.
Nonconformista – Indisciplinato: Non si sente vincolato alle norme ed alle procedure organizzative. Non è attento ai dettagli e può fare errori dovuti a disattenzione.
Indifferente – Disimpegnato: E’ distante, distaccato, non ama lavorare in squadra insieme agli altri, non vuole fare parte del gruppo, perché tendenzialmente cerca di evitare di instaurare stretti rapporti interpersonali.
Rigido – Perfezionista: Vuole ottenere elevati standard di performance per sé e per gli altri fino a diventare esageratamente esigente, meticoloso, pignolo, scrupoloso e inflessibile. Sotto stress si mostra molto ostinato ed estremamente critico. Manca di una visione strategica di insieme.
Ostile – Provocatorio: Manca di tatto e diplomazia ed è incline a mettere in discussione gli altri. E’ deciso e può essere invadente e prepotente. Non è molto sensibile.
Machiavellico – Manipolativo: Può agire in modo astuto e subdolo. E’ riluttante ad affrontare in modo aperto e franco le questioni e può usare le proprie abilità di persuasione e di manipolazione se è dotato di abilità verbali ed oratorie; oppure può agire in modo sagace “lavorando dietro le quinte”.
Evitante – Passivo: E’ incline a dubitare di sé stesso e ansioso. Può essere restio ad esprimere il proprio punto di vista e la propria opinione. Può mostrarsi socialmente evitante.
Egocentrico – Presuntuoso: Tende a mettersi al centro della scena, e può assumere atteggiamenti supponenti ed egoistici. E’ incline a dominare nelle discussioni.
Tenebroso – Umorale: E’ una persona emotiva, pessimista, volubile, di scarsa energia. Ha paura di sbagliare ed è riluttante a prendere le decisioni.

Sebbene questi comportamenti possano rappresentare tipicamente delle sfide significative per la maggior parte delle organizzazioni e dei contesti di lavoro, va rilevato che possono anche essere distintivi di persone di grande successo. Sono tuttavia persone che necessitano di tutoraggio e supporto al fine di evitare di destabilizzare i colleghi oppure l’organizzazione di cui fanno parte. Il rapporto interpretativo sui comportamenti disfunzionali dovrebbe quindi essere considerato alla luce del contesto di lavoro specifico del ruolo per il quale l’individuo viene valutato e in relazione alla cultura e al clima dell’organizzazione.

Questo rapporto interpretativo è disponibile all’interno del Report Set Completo e nel Set di Report Speciali, assieme al Report sull’intelligenza emotiva ed al Report sulle competenze.